Tag : traduttore giurato

Stage: Da studente a traduttore.

titraduco

Testare le proprie abilità e superare i propri limiti è essenziale per qualsiasi studente. Per questo, per uno studente di lingue che si affaccia al mondo della traduzione, uno stage in un’agenzia di traduzione è la miglior prova che possa decidere di affrontare durante il suo percorso di studi. Tutto quello che fino ad un momento prima era solo teorico, che restava alle spalle una volta chiusi i libri, diventa improvvisamente pratico. È vero, non ci sono più voti e giudizi, ma c’è il cliente che, molto spesso, può risultare più difficile da accontentare che addirittura un professore.

Com’è ovvio, le qualità di base da cui partire per lavorare come traduttore sono un’approfondita conoscenza delle lingue utilizzate e un’ottima ricerca terminologica, ma tradurre è anche molto altro, è soprattutto mettersi alla prova.
Scegliere uno stage presso un’agenzia di traduzione è sicuramente il modo migliore per mettersi in gioco. Lo stagista potrà non solo utilizzare e migliorare le proprie lingue di studio e di interesse, ma affrontare e scoprire diversi tipi di testo e traduzioni. Questo è, di certo, uno degli aspetti più interessanti che rende la pratica della traduzione abbastanza lontana dagli studi teorici, ovvero la diversità di generi. Il lavoro di traduttore, invece, è anche sapersi adattare alle situazioni e saper spaziare tra i differenti tipi di testo su cui lavorare, seguendo le richieste del cliente. Sarà possibile, infatti, per lo stagista mettersi alla prova su tipi di testi differenti e mai affrontati prima in ambito universitario che comprendono, ad esempio, pagelle scolastiche o documenti di viaggio, certificati, pagine web e testi letterari, da e verso le lingue studiate, con l’ausilio dei cosiddetti CAT Tools (Computer Aided Translation), glossari e varie risorse online. Insomma, le abilità richieste al traduttore, oltre alla conoscenza delle lingue, sono capacità e velocità di adattamento, flessibilità e precisione. Di certo, la monotonia e la noia non fanno per lui!
Le tempistiche da rispettare spesso sono molto brevi. Questo permetterà allo stagista di imparare a gestire in maniera più produttiva il tempo a sua disposizione.

Lo stage da traduttore in Ti Traduco Roma, Bologna e Rimini è un’esperienza di apprendimento a tutto tondo.

Certificato di carichi pendenti estero

titraduco

Il certificato di carichi pendenti e il certificato generale del Casellario Giudiziale sono fra i documenti più richiesti per uso estero.

Occorre sapere che ai fini dell’utilizzo del certificato di carichi pendenti o del Casellario in un paese estero, il certificato originale dovrà essere opportunamente apostillato o legalizzato e ciò è competenza dell’ufficio della Procura della Repubblica, presso il Tribunale che ha emesso il certificato.

La richiesta potrà essere fatta personalmente o delegando al ritiro con relativa delega e copia della carta di identità.

Il certificato dei carichi pendenti e il casellario hanno validità 6 mesi.

Per la richiesta del certificato dovranno allegarsi una marca da bollo da €3,87 e una marca da bollo da €16 ogni 2 pagine di certificato. In caso di urgenza sarà da pagarsi anche il diritto d’urgenza con un’ulteriore marca da €3,87. Le marche da bollo si acquistano in qualsiasi tabaccheria.

Il servizio di traduzione legalizzata seguirà un iter separato di cui si occuperà il traduttore giurato che avrà tradotto e anche in questo caso, l’asseverazione richiede l’acquisto di marche da bollo che, però, variano a seconda dei diversi tribunali. Il traduttore non risponde dei contenuti del certificato tradotto, ma assume la responsabilità dei contenuti della corretta traduzione che giurerà davanti a un pubblico ufficiale, cancelliere o giudice di pace. Tali funzionari dovranno avere la firma depositata per l’estero in modo da poter legalizzare successivamente o apostillare anche la traduzione con validità per il paese di destinazione. Nel caso della Legalizzazione per l’estero, potrebbe essere necessaria anche la legalizzazione presso la rappresentanza diplomatica o consolare dello stato richiedente, ciò dipende da leggi nazionali, per cui è bene documentarsi previamente presso i relativi consolati o ambasciate.

L’Apostille dell’Aja, invece, è una convenzione che limita tale obbligo all’apposizione del timbro presso la Procura e non richiede il passaggio presso le autorità consolari, semplificando il movimento di tali documenti. Non hanno scadenza nè l’Apostille nè la Legalizzazione, ma invece, potrebbero avere scadenza i documenti anagrafici o certificati legalizzati o apostillati. Tuttavia, sono previste novità dal 16 febbraio 2019 quando si applicherà il Regolamento UE 2016/1191 che prevede un’esenzione generalizzata da legalizzazione e formalità analoghe estesa a tutti i paesi della comunità europea.

Al fine di ottenere documenti certificati è fondamentale affidarsi a professionisti qualificati esperti nelle pratiche di traduzione e legalizzazione dei documenti ad uso estero, poiché errori o dimenticanze nelle traduzioni, omissioni nei documenti o la mancanza dell’adeguata legalizzazione possono causare il respingimento della pratica per cui sono stati richiesti.

Apostille dell’Aia, Che cos’è?

titraduco

La Convenzione dell’Aia, (Convention de La Haye du 5 octubre 1961), è un accordo stipulato tra vari Paesi, aderenti alla Comunità europea e non. Si tratta di un elenco in possesso della Farnesina, in costante aggiornamento. Questo accordo serve per garantire la legalizzazione e la validità di determinati documenti in un Paese estero. I documenti previsti dall’accordo sono pertanto tradotti in un’altra lingua rispetto all’originale. Si apostillano: documenti firmati da un funzionario dello Stato o Cancelliere, documenti amministrativi, atti notarili e anche le dichiarazioni ufficiali. La Convenzione non è però valida per i documenti redatti da agenti diplomatici o consolari e per i documenti amministrativi riguardanti operazioni doganali o commerciali. La Convenzione dell’Aia prevede un timbro. L’Apostille dell’Aja è un’attestazione ufficiale che serve innanzitutto per verificare l’autenticità della firma, il titolo e/o il timbro del firmatario del documento tradotto. In Italia i funzionari che possono rilasciare una Apostille sono il Procuratore della Repubblica e i Prefetti, ma ogni Stato può designare le autorità in grado di emettere l’apostilla su un documento. L’Apostille non certifica il contenuto del documento. Si può definire come un’autentica di firma ed è utilizzata esclusivamente per legalizzare atti o documenti pubblici, non privati (a meno che essi non vengano in seguito modificati e resi pubblici). L’Apostille serve in particolare ad evitare la legalizzazione del documento in questione presso l’ambasciata o il consolato dello Stato ricevente il documento. Generalmente, l’Apostille viene apposta sull’ultima pagina e segue una struttura predefinita e comune a tutti gli Stati. Essa specifica lo Stato, il nome, il timbro e la carica del firmatario, la data e il luogo in cui il documento in questione è stato redatto. Tutti questi contenuti devono essere fedelmente tradotti nella lingua dello Stato in cui andrà presentato il documento. La traduzione da farsi sarà una traduzione giurata, presso un Tribunale della Repubblica o un Giudice di pace. In alcuni stati esteri, le traduzioni giurate vengono firmati dal notaio. In Italia la traduzione giurata, o pratica di asseverazione, legalizzazione e Apostille si effettua davanti al pubblico ufficiale preposto. I Tribunali, i consolati e le ambasciate sono in possesso di elenchi di traduttori giurati e del deposito delle firme dei funzionari che potranno provvedere alle legalizzazioni valide per l’estero. Ti Traduco lavora con traduttori iscritti agli elenchi dei Tribunali di tutta Italia e riceve i documenti da tradurre presso le tre sedi di Rimini, Bologna e Roma. I documenti legalizzati possono essere anche recapitati a distanza previo accordo con l’agenzia di traduzioni per mezzo email o da accordi telefonici.

footer-ti-traduco

Per maggiori informazioni

barra-ti-traduco

Copyright © 2016 Ti Traduco. TiTraduco Sede Legale e Operativa: Via Flaminia, 153 - 47923 Rimini P. IVA: 01428640625 Iscrizione alla Camera di Commercio REA: RN- 311273 - Login